Il modello formativo dell’U.S.R. per il Veneto, sperimentazione a.s. 2020-21

Il modello formativo a.s. 2020-21 dell’U.S.R. per il Veneto, condiviso con i Dirigenti delle Scuole Polo di Ambito per la formazione e illustrato ai Dirigenti Scolastici di tutte le II.SS. della Regione nel corso di un ciclo di conferenze di servizio, è descritto nella Nota USRV prot. n. 17645 del 5 ottobre 2020 e nella Nota USRV prot. n. 21176 del 17 novembre 2020.

I DESTINATARI DELLE AZIONI FORMATIVE

I destinatari delle azioni formative sono i docenti coordinatori per l’Educazione Civica, individuati, con delibera del Collegio dei Docenti e su proposta del Dirigente Scolastico, quali referenti all’interno delle Istituzioni Scolastiche statali sia del primo sia del secondo ciclo.

Il M.I. ha attribuito al Veneto un totale di 2066 coordinatori1372 per il I ciclo (no i docenti della Scuola dell’Infanzia) e 694 per il II ciclo – ripartito territorialmente sulla base della complessità delle scuole (v. prospetto).

I docenti referenti per l’Educazione Civica destinatari della formazione, segnalati dalle Istituzioni Scolastiche venete a seguito della rilevazione condotta dall’U.S.R. per il Veneto, sono 1737, di cui 1181 del I ciclo e 556 del II ciclo.

Prospetto n. di referenti in formazione suddivisi per Ambito per la formazione.

L’ISCRIZIONE DEI DOCENTI REFERENTI AL PERCORSO FORMATIVO REGIONALE

L’acquisizione dei nominativi dei referenti per l’Educazione Civica, destinatari delle azioni formative regionali, avviene, entro il 31 ottobre 2020, con rilevazione dell’U.S.R. per il Veneto, ai sensi della Nota prot. n. 16209 del 17 settembre 2020.

I CONTENUTI DELLA FORMAZIONE

Con riferimento alle tematiche oggetto della formazione indicate dal M.I., in questo primo anno di sperimentazione, l’U.S.R. per il Veneto ritiene prioritario fornire alle scuole strumenti metodologici e progettuali per costruire un curricolo di Educazione Civica coerente con la legge 92/2019 e aderente al D.M. 35/2020, in grado di inserirsi in modo organico nel curricolo generale di Istituto.

I contenuti del modello formativo veneto risultano pertanto essere i seguenti:

  • la progettazione ed elaborazione di curricoli per l’Educazione Civica in raccordo con il Profilo delle competenze al termine del I ciclo e al Profilo educativo, culturale, professionale dello studente al termine del II ciclo;
  • la progettazione e predisposizione di Unità di Apprendimento e strumenti valutativi (griglie, rubriche).

Nell’ottica delle scelte effettuate, l’Educazione Civica si connota non solo come un insegnamento, ma anche come riferimento valoriale e di significato di tutti gli apprendimenti.

I modelli di strumenti che saranno offerti ai docenti in formazione costituiscono, per le Scuole della Regione, una cornice generale omogenea e sono coerenti con tutte le azioni di ricerca e progettazione condotte negli anni nel nostro territorio sulle didattiche per lo sviluppo delle competenze, con riferimento anche al quadro europeo, che sostanzia la competenza nell’agire autonomo e responsabile. Lo sviluppo di atteggiamenti autonomi e responsabili è anche la finalità dell’insegnamento di  Educazione Civica.

L’ORGANIZZAZIONE DEL PIANO A LIVELLO REGIONALE: MODULI FORMATIVI E TEMPI

Secondo le indicazioni ministeriali, il Piano si struttura in moduli formativi.

Il M.I. assegna al Veneto 93 moduli formativi60 per il I ciclo e 33 per il II ciclo – ripartendoli tra le 26 Scuole Polo di Ambito per la formazione, come da prospetto a seguito riportato:

In linea con le indicazioni ministeriali, nel modello dell’U.S.R. per il Veneto  il modulo formativo si configura come “unità formativa” certificata, della durata complessiva di n. 40 ore, articolate in:

  • 20 ore di lezione laboratoriale a distanza, con la guida di formatori esperti;
  • 20 ore di formazione “indiretta” e “a cascata” nell’Istituto, mediante azioni di tutoraggio e supporto ai colleghi, con la supervisione dei soggetti attuatori.

Fermo restando la distinzione tra I e II ciclo, i moduli formativi possono essere organizzati secondo diverse tipologie:

  • modulo unitario (un unico gruppo-classe);
  • modulo aggregato – due classi;
  • modulo aggregato – tre classi.

Ogni gruppo-classe è composto da un massimo di 30 partecipanti.

Le suddette 40 ore formative sono precedute da un Seminario propedeutico a distanza di n. 3 ore, organizzato specificatamente per i docenti referenti del I ciclo e per i docenti referenti del II ciclo.

Le azioni formative si svolgono nel periodo novembre 2020 – giugno 2021.

I SEMINARI PROPEDEUTICI

Il Piano regionale per la formazione dei docenti per l’Educazione Civica prende l’avvio con due Seminari propedeutici a distanza, rispettivamente rivolti ai referenti per il I ciclo (23 novembre 2020) e ai referenti del II ciclo (25 novembre 2020).

Ciascun Seminario, della durata di n. 3 ore (tenuto conto della modalità a distanza), ha per tema “L’Educazione Civica. Scenari e connessioni”.

Nel corso di ogni evento, il Servizio Ispettivo dell’U.S.R. per il Veneto condivide gli specifici modelli di strumenti da utilizzare nelle successive attività laboratoriali.

Preliminarmente, a cura dell’Ufficio II dell’U.S.R.V., è presentato il modello formativo regionale.

I suddetti Seminari si svolgono in diretta streaming su Canale Youtube dell’U.S.R. per il Veneto, secondo il calendario riportato nella Nota USRV prot. n. 21176 del 17 novembre 2020.

I destinatari, suddivisi per ciclo di istruzione, accedono alla diretta previa firma di presenza, mediante il modulo online disponibile all’indirizzo indicato nella suddetta Nota, link che sarà attivato circa quindici minuti prima dell’avvio di ciascun evento.

Nella fase finale di ciascun Seminario, sarà comunicato il link al modulo online per la firma in uscita, tramite la chat del canale YouTube.

La raccolta firme, che sarà effettuata in occasione di tutte le azioni formative, è finalizzata al rilascio dell’attestazione finale dell’intero pacchetto delle attività svolte (3 ore seminariali + 20 ore di lezione laboratoriale + 20 ore di formazione “indiretta” e “a cascata” nell’Istituto).

Ai seminari partecipano, in qualità di uditori, anche i formatori dei moduli formativi.

L’ARTICOLAZIONE DEL MODULO FORMATIVO
20 ORE DI LEZIONE LABORATORIALE A DISTANZA

Le prime 20 ore dei moduli formativi si svolgono nella modalità di lezione laboratoriale a distanza, con la guida di formatori esperti.

Sono organizzate dalle Scuole Polo di Ambito nel periodo 1 dicembre 2020 – 27 febbraio 2021, secondo calendari predisposti dalle medesime e comunicati, a tempo debito, alle II.SS. afferenti alla rispettiva Rete e pubblicati in questa piattaforma regionale.

Le suddette lezioni possono essere realizzate in modalità unitaria (un unico gruppo-classe) e/o aggregata, in due o tre classi, secondo il modello formativo regionale.

Nel corso delle lezioni laboratoriali, i docenti in formazione sono impegnati nella sperimentazione di modelli di strumenti (curricolo, unità di apprendimento, unità didattiche, compiti autentici, rubriche valutative) coerenti con le azioni di ricerca e progettazione, condotte negli anni nel nostro territorio, sulle didattiche per lo sviluppo delle competenze, con riferimento anche al quadro europeo, che sostanzia la competenza nell’agire autonomo e responsabile. Tali modelli costituiscono, per le Scuole della Regione, una cornice generale omogenea.

I corsisti possono altresì usufruire di videolezioni e webinar opportunamente predisposti dai formatori.

20 ORE DI FORMAZIONE “INDIRETTA” E “A CASCATA” NELL’ISTITUTO

A conclusione delle lezioni laboratoriali a distanza, sono attivate le 20 ore di formazione “indiretta” e “a cascata” nell’Istituto.

I formatori, che hanno guidato i gruppi-classe nelle prime 20 ore, assegnano ai docenti in formazione dei “compiti” da realizzare a scuola, mediante azioni di tutoraggio e supporto ai colleghi.

Tali seconde 20 ore si svolgono nel periodo 1 marzo – 30 giugno 2021.

Si articolano in due tipologie di azioni:
– azioni in cui i formandi sono coinvolti a livello di gruppo-classe, con la supervisione sincrona del formatore > 6 ore, a cura delle Scuole Polo di Ambito;
– azioni in cui i corsisti svolgono “in autonomia” nel proprio Istituto una formazione “a cascata” a favore dei colleghi, con il supporto asincrono del formatore > 14 ore, che rientrano nella progettazione autonoma delle singole Istituzioni Scolastiche in relazione all’introduzione dell’insegnamento trasversale dell’Educazione Civica.

A seguire un prospetto dettagliato delle azioni sopra descritte:

LE AZIONI DI SENSIBILIZZAZIONE

Specifiche azioni di sensibilizzazione a favore dei docenti della Scuola dell’Infanzia e dei docenti in Istruzione degli Adulti (CPIA) sono curate dal Servizio Ispettivo dell’U.S.R. per il Veneto, in collaborazione con l’Ufficio II.

LA GOVERNANCE REGIONALE
  • U.S.R. per il VENETO

– Macro-progettazione del Piano.
– Coordinamento delle azioni formative, di monitoraggio e di rendicontazione.
– Raccolta delle programmazioni dei moduli formativi delle Scuole Polo per la formazione e trasmissione al CTS.
– Informazione, comunicazione e documentazione su piattaforma regionale dedicata.

  • SCUOLE POLO di AMBITO per la FORMAZIONE

– Realizzazione della programmazione dei moduli formativi entro il 30.06.2021, con il supporto dell’U.S.R.V..
– Invio e scambio di informazioni e materiali scientifici forniti dagli esperti.
– Conferimento degli incarichi ai formatori e liquidazione dei relativi compensi.
– Gestione amministrativo-contabile del Piano e rendicontazione dello stesso per il proprio Ambito.

  • SOGGETTI ATTUATORI (FORMATORI)

– Offerta di pacchetti formativi, comprensivi anche di videolezioni, webinar, supporto «on the job» nel corso del primo anno di sperimentazione.

AZIONI DI ACCOMPAGNAMENTO
  • Incontro di coordinamento con i DD.SS. Delle Scuole Polo di Ambito (a cura dell’Uff. II – U.S.R.V., in collaborazione con Servizio Ispettivo > 29 settembre 2020).
  • Conferenze di Servizio per i DD.SS. di tutte le Istituzioni Scolastiche Statali (a cura del Servizio Ispettivo, in collaborazione con l’Uff. II – U.S.R.V. > 12, 13, 14, 15, 16 ottobre 2020).
  • Rilevazione regionale dei docenti referenti, destinatari delle azioni formative (a cura dell’Uff. II – U.S.R.V.).
  • Modello regionale di Avviso per l’individuazione dei formatori da parte delle Scuole Polo di Ambito (a cura dell’Uff. II – U.S.R.V.).
  • Seminario introduttivo per i docenti-coordinatori del I ciclo e per i docenti-coordinatori del II ciclo e i formatori individuati (a cura dell’Uff. II; relatori: DD.TT.).
  • Azioni di co-progettazione/coordinamento per i formatori individuati (a cura del Servizio Ispettivo, in collaborazione con l’Uff. II – U.S.R.V.).
  • Predisposizione di materiali modello per i laboratori (a cura del Servizio Ispettivo).
  • Azioni di sensibilizzazione per la Scuola dell’Infanzia e i CPIA  (a cura del Servizio Ispettivo).